Non ha paura di ammetterlo “Soffro d’ansia. Ho un analista con cui parlo una volta a settimana”

Advertisement

La mente a volte gioca brutti scherzi e stress, ansia e attacchi di panico posso presentarsi alla porta di ognuno. In un’intervista rilasciata appena un anno fa a Cosmopolitan Uk, la Mila Grey di Cinquanta sfumature, ovvero Rita Ora ha confessato, che ha dovuto affidarsi a degli esperti per combattere i suoi problemi di ansia. Rita Ora adesso conduttrice di America’s Next Top Model non è una ragazza tutta sorrisi come spesso appare.

Nella foto che recentementa le sono state scattate a NEw York appare sempre a suo agio e disinvolta, nonostante l’assalto dei paparazzi, che l’hanno aspettata sotto il Manhattan’s Bowery Hotel per fotografarla. Lei è bellissima in un abito nero dallo spacco vertiginoso che le lasciava la schiena scoperta.

Ma nell’intervista alla rivista inglese ammette: «Non ho alcun problema a dire che sono stata in terapia per combattere i miei problemi di ansia.Ho un analista con cui parlo una volta a settimana»
Insomma nessuno è immune da stress ed ansia neanche Rita Ora, che analizzando il suo disagio dice: «Le persone ne soffrono in maniere diverse, per me ad esempio i problemi nascono quando ho obiettivi a lungo termine. Sono una persona che vive il presente perciò se devo fare qualcosa adesso e subito sto bene, ma se inizio a rifletterci su l’ansia mi assale».

Advertisement

Lei sa che apparentemente tutti la vedono disinvolta e sempre sorridente ma dice «Le persone pensano che Rita sia solo quella delle feste. Non mi vedono quando lavoro per 16 ore al giorno. Devi lavorare incredibilmente duro per riuscire a sopravvivere nel mondo dello spettacolo. Mi manca trascorrere del tempo con gli amici a Londra.

Devi sacrificare tanto. Poi, però, arrivi a 30 anni, ti guardi indietro e pensi: “Tutto questo l’ho fatto io”».
Insomma la vita delle star spesso appare come una vita da invidiare, ma sono tante le insidie, i dubbi e i malesseri che risiedono in questi personaggi che devono sempre lottare per rimanere sulla cresta dell’onda e non diventare presto delle meteore.

[Fonte consultata: vanityfair]